Storia e usi delle etichette autoadesive

Le etichette autoadesive sono etichette sensibili alla pressione che si attaccano alle superfici quando si esercita pressione su di esse. L’acqua o qualsiasi tipo di solvente non è necessaria perché queste etichette aderiscano a qualsiasi superficie. Alcuni fattori come la tensione superficiale e l’esistenza di contaminanti possono influire sull’efficacia delle etichette autoadesive. Ci sono altri fattori ambientali che possono anche influenzare la capacità delle etichette di aderire a una superficie, come ad esempio la temperatura e l’umidità. Sono disponibili adesivi speciali per soddisfare requisiti di etichettatura ambientale speciali.

Etichette di carta colorate sono state utilizzate sin dai primi anni del 1880 per identificare i prodotti. Furono introdotti in Australia da artisti stampa etichette adesive europei e i processi di stampa più comunemente usati all’epoca erano la stampa tipografica e la litografia, le prime arti commerciali. L’obiettivo della produzione di etichette era semplice allora come lo è ora: cercare di attirare l’attenzione del cliente. Oggi, molte delle etichette utilizzate in passato sono da collezione e possono essere trovate e acquistate nei negozi di antiquariato.

Negli anni ’30, R. Stanton Avery è stato il primo produttore di etichette autoadesive e ne ha fatto un’azienda di successo a livello mondiale che funziona ancora oggi. Ma poi l’invenzione della stampante a getto d’inchiostro negli anni ’80 ha cambiato tutto. Quando il getto d’inchiostro è stato commercializzato, le persone hanno iniziato a stampare le proprie etichette.

Ora, la maggior parte delle industrie e dei loro prodotti utilizzano etichette. Perché? Poiché sono molto resistenti e durano per anni, la maggior parte di loro sono resistenti all’acqua e non si staccano facilmente. La maggior parte delle aziende vinicole e delle bevande opta per etichette autoadesive perché resistono alla degradazione delle sostanze e quando sono conservate in refrigeratori, frigoriferi, ecc.

Anche le etichette autoadesive sono considerate molto economiche, non solo per le industrie che le utilizzano ma anche per i produttori. La moderna produzione di etichette stampate è molto veloce ed è dominata dai processi di stampa flessografica, e ora anche la stampa digitale gioca un ruolo importante, consentendo agli stampatori di fornire piccoli volumi di etichette, con maggiore flessibilità per le varianti all’interno della tiratura. I produttori di etichette moderni producono più unità più rapidamente e a un costo inferiore rispetto a qualsiasi tipo di metodo di etichettatura tradizionale, rendendo l’uso di etichette autoadesive più accessibile a chiunque sia coinvolto nell’imballaggio delle merci.

E un altro dei tanti vantaggi delle etichette autoadesive è la loro grande versatilità. Queste etichette possono essere progettate per essere di qualsiasi dimensione e adattarsi a qualsiasi forma possa avere un contenitore o un prodotto. Possono essere decorati con varie caratteristiche ed è anche possibile la stampa sotto la superficie.

Con l’evoluzione della tecnologia, le etichette adesive possono essere progettate da programmi per computer, consentendo loro di avere diverse caratteristiche di sicurezza come tag ID in radiofrequenza e sigilli di sicurezza a prova di manomissione. Le industrie preoccupate per l’ambiente possono utilizzare materiali biodegradabili e riciclabili anche per realizzare le loro etichette autoadesive.

Quindi ora, parlando di materiali, ce ne sono molti diversi tra cui scegliere quando si realizza un’etichetta autoadesiva. C’è la carta opaca, quella più comunemente usata per etichettare prodotti ed etichette informative; Thermal eco, è adatto per etichettatura prezzo ed etichette pesatura / macchina; Carte fluorescenti, una carta colorata molto brillante, molto adatta e molto apprezzata per le etichette pubblicitarie; Silvervac / Goldvac, carta metallizzata argento o dorata adatta alla produzione di etichette metalliche lucide e di alta qualità, molto utilizzata per pubblicità e decorazioni; Parte superiore termica, questa carta termica diretta non si sbiadisce rapidamente, non si macchia ed è per un’applicazione universale, ad esempio, viene utilizzata per le etichette delle macchine di pesatura.